Country/Currency
$

Sheet music Mr.Rain, Martina Attili - La somma for piano - Piano&Vocal

SKU: PVO0013832

Musician: Mr.Rain , Martina Attili

Composition: La somma

Arrangement: Piano&Vocal

Other arrangements: Piano.Solo , Piano.Easy

Genre: Rap

Formats: pdf, midi, final

Available formats
The notes are sent to the e-mail address you specified when placing your order.
$2.40
$3.60
$4.90

Other notes Mr.Rain, Martina Attili

Show more

Mr.Rain , Martina Attili - La somma

Conta tutto ciò che sai di me
Tanto sai contare fino a zero
Conoscersi da sempre e non sapere niente
Io non so contare su di te
Tu che eri tutto quello che volevo
Ora sei quasi inesistente
Ma la colpa è solo mia
Ho perso il conto di tutti gli sbagli
Siamo frammenti di vetro in mezzo ai diamanti
Proverò a darti quello che non hai avuto dagli altri
Ma resta qui il tempo di dimenticarti

Ti prego non bruciare quel che c'è
Sto fuori, non pensare troppo a me
Che non ha senso chiedersi perché
La somma degli sbagli, diviso due fa te

Non ho mai trovato le parole giuste
Per dirti ciò che leggi dentro la mia iride
Ma se chiudi gli occhi noterai che
Dentro di te è il luogo migliore dove ho scelto di vivere
Lasciarti andare è l'ultima cosa che voglio
Lascia che ogni attimo sia degno di un ricordo
Questo sembra un brutto sogno
La distanza ci farà rendere conto
Di chi abbiamo realmente bisogno
Mi hai conosciuto che indossavo
Un vestito fatto di lividi
Alla fine non siamo così simili
A volte mi guardo dentro e trovo solo un vuoto immenso
Ed è per questo che quando mi guardi soffri di vertigini

Ti prego non bruciare quel che c'è
Sto fuori, non pensare troppo a me
Che non ha senso chiedersi perché
La somma degli sbagli, diviso due fa te

E non andava niente
Ma sembrava il paradiso
L'universo dei miei sbagli
Visto da vicino
E un po' ci spero ancora
Non è vero che ho deciso
Perché torni sempre all'improvviso

Ti prego non bruciare quel che c'è
Sto fuori, non pensare troppo a me
Che non ha senso chiedersi perché
Perché

Ti prego non bruciare quel che c'è
Sto fuori, non pensare troppo a me
Che non ha senso chiedersi perché
La somma degli sbagli, diviso due fa te